Sono trascorsi trentadue anni dalla tragica strage di Capaci. È fondamentale mantenere viva nella memoria il sacrificio di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e degli agenti di scorta, vittime di una mafia brutale e spietata. La Cisl, in collaborazione con la Fondazione Falcone, si unirà a Palermo a numerosi giovani e associazioni per sottolineare che la legalità è imprescindibile per il lavoro, lo sviluppo e gli investimenti. Il segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, ha sottolineato che è essenziale un impegno congiunto per migliorare le condizioni di vita dei ceti deboli, garantendo i diritti fondamentali come la salute, l’istruzione e un’occupazione dignitosa. Lavoro, legalità e istruzione devono procedere di pari passo per contrastare la criminalità organizzata.
A margine della presentazione del “Museo del Presente” a Palermo, Sbarra ha richiamato alla memoria l’esempio di Giovanni Falcone e di coloro che si sono opposti con coraggio alla criminalità organizzata. Attraverso la memoria, si riconosce il valore di coloro che continuano a lottare contro le mafie in ogni settore della società. La Cisl sostiene attivamente il Museo del Presente dedicato a Falcone e Morvillo come luogo per promuovere la cultura della legalità, del lavoro dignitoso e della partecipazione civica dei lavoratori.

Maggiori approfondimenti: http://www.conquistedellavoro.it/attualit%C3%A0/strage-di-capaci-mai-dimenticare-1.3287391

Ebilav.it - CF: 97795640016 - © 2015-2019 Koweb | Tutti i diritti riservati