Dopo una serie di scosse sismiche che hanno colto di sorpresa la popolazione locale, il prossimo Consiglio dei Ministri si prepara ad affrontare la delicata questione dell’intervento necessario nei Campi Flegrei. Il ministro per la Protezione civile, Musumeci, ha annunciato che i Ministeri effettueranno una dettagliata analisi delle spese a loro carico. Durante l’incontro della scorsa settimana, alla presenza della premier Meloni, il Governo ha discusso delle risorse necessarie per garantire la sicurezza complessiva dell’area. Una prima stima delle spese è stata fornita dallo stesso Musumeci, che ha indicato la necessità di oltre 500 milioni di euro per mettere in sicurezza i Campi Flegrei, dove sorgono migliaia di edifici e risiedono circa 80.000 persone. Musumeci ha sottolineato che coloro che hanno scelto di abitare in questa zona conoscevano i rischi connessi.
La priorità dell’intervento sarà rappresentata dalle scuole, mentre il Governo sta valutando l’ipotesi di offrire incentivi a coloro che desiderano trasferirsi altrove, escludendo però l’utilizzo del sisma-bonus. Il presidente della Regione Campania, De Luca, risponde affermando che chi è nato nei Campi Flegrei non ha colpe, sottolineando la complessità del territorio e ponendo l’interrogativo su possibili alternative come l’evacuazione dell’intera zona, compresa quella del Vesuvio e di Pozzuoli. De Luca ritiene inoltre necessario estendere il sisma-bonus anche ai Campi Flegrei, sottolineando l’importanza di stanziare finanziamenti per la rete viaria della zona. Sono già previsti fondi per i Comuni di Pozzuoli, Bacoli e altri centri del territorio.

Maggiori approfondimenti: http://www.conquistedellavoro.it/attualit%C3%A0/campi-flegrei-incentivi-a-chi-lascer%C3%A0-la-zona-1.3287400

Ebilav.it - CF: 97795640016 - © 2015-2019 Koweb | Tutti i diritti riservati