La situazione attuale del mercato dei consumi in Italia viene descritta come uno “stallo dei consumi” da esperti del settore. Secondo Romolo De Camillis, direttore Retail di NielsenIQ, le vendite hanno registrato un calo dello 0,9% ad aprile, con l’indicazione di un possibile peggioramento nel corso dell’anno. L’andamento negativo si riflette sia nei volumi del carrello della spesa che nel valore complessivo delle transazioni, con prospettive incerte per il futuro immediato.
Il 2023 ha visto un incremento del 5,2% della spesa delle famiglie per prodotti di largo consumo e hi-tech, raggiungendo i 187 miliardi di euro. Tuttavia, il trend negativo degli ultimi mesi pone delle sfide, con la possibilità che l’anno si concluda in negativo per entrambi i parametri di volumi e spesa familiare.
Il barometro dei consumi presentato da NielsenIQ durante l’evento Linkontro 2024 evidenzia una situazione complessa, con l’industria di marca che si trova in difficoltà rispetto alle aziende follower e alla crescita della Marca del distributore. I consumatori mostrano preferenze differenziate, con un interesse crescente per prodotti premium, bio e salutistici, mentre i beni durevoli subiscono un calo significativo delle vendite.
Le prospettive future indicano una probabile persistenza della crisi dei consumi, con un’attesa diminuzione delle vendite sia in termini di valore che di volumi. È cruciale monitorare attentamente l’evolversi del mercato e adattarsi ai cambiamenti nelle preferenze dei consumatori per fronteggiare questa sfida commerciale.

Maggiori approfondimenti: https://www.ilsole24ore.com/art/nielseniq-spesa-famiglie-bloccata-crescita-zero-2024-AFFxAI2D

Ebilav.it - CF: 97795640016 - © 2015-2019 Koweb | Tutti i diritti riservati