Con un’imponente cifra di circa mezzo miliardo di euro, European energy (Ee), azienda danese specializzata nell’ energia rinnovabile, sta orientando decisamente il suo investimento in Italia verso l’agrivoltaico, con il 70-80% degli investimenti dedicati a questa soluzione innovativa. L’accordo recentemente siglato tra Ee Italia e l’ Università della Tuscia di Viterbo-Cirder sottolinea l’importanza del connubio tra energia solare e agricoltura.
Alessandro Migliorini, country manager e director di Ee Italia, ha rivelato che, oltre ai 2 miliardi inizialmente annunciati per investimenti su fotovoltaico, eolico, biogas e idrogeno in Italia, si aggiungeranno ulteriori 500 milioni, concentrati soprattutto sull’agrivoltaico. Le recenti normative e incentivi governativi, come il decreto sull’agrivoltaico e la direttiva Red 3 dell’Unione Europea, stanno spingendo verso questa direzione, rendendo sempre più difficile investire in solare tradizionale senza coinvolgere l’agricoltura.
L’Italia si sta posizionando come mercato chiave per gli investitori globali, e il piano di Ee prevede di completare gli investimenti entro quattro o cinque anni, ampliando la pipeline di progetti. La collaborazione con l’ Università della Tuscia si concentra sull’ottimizzazione degli impianti agrivoltaici, con un focus sulla scelta delle colture migliori. Questa partnership non riguarderà solo la ricerca e lo sviluppo di nuove installazioni, ma mirerà anche a promuovere l’agricoltura digitale, le energie rinnovabili e la formazione professionale.

Maggiori approfondimenti: https://www.ilsole24ore.com/art/agrivoltaico-european-energy-pronta-investire-500-milioni-AFNdp2HD

Ebilav.it - CF: 97795640016 - © 2015-2019 Koweb | Tutti i diritti riservati