Domani, mercoledì 3 aprile, iniziano le verifiche al ponte Lueg, sul versante austriaco dell’ autostrada del Brennero, in vista del rifacimento del viadotto, previsto per l’anno prossimo. Questo intervento è di fondamentale importanza per garantire la sicurezza e il buon funzionamento di una delle principali infrastrutture stradali che collegano l’Italia all’Europa settentrionale.
Le verifiche iniziali segnalano la necessità di interventi urgenti per il ponte Lueg, costruito 55 anni fa e con i suoi 1.804 metri di lunghezza, rappresenta un punto critico lungo l’ autostrada del Brennero. I lavori, che si prevede dureranno due anni a partire dal 2025, comporteranno inevitabili disagi per la viabilità e il trasporto merci lungo questo cruciali asse alpino.
Durante le fasi preliminari dei lavori, a partire dall’ 3 al 12 aprile, si viaggerà su un’unica corsia in direzione sud, mentre dal 10 al 30 aprile su un’unica corsia verso nord. Si prevedono rallentamenti e code lungo il percorso. Anche durante la completa riqualificazione del ponte, in entrambe le direzioni sarà disponibile soltanto una corsia di circolazione, aumentando le sfide per il trasporto stradale.
L’importanza economica del ponte Lueg è evidente, considerando che il 2023 ha visto il transito di merci per oltre 100 miliardi di euro attraverso il Brennero. Una possibile riduzione del 20% di questo valore in caso di chiusura parziale del ponte avrebbe conseguenze devastanti sull’ economia italiana.
Confcommercio Trentino ha evidenziato le preoccupazioni legate alla potenziale congestione lungo il corridoio del Brennero e ha chiesto al governo austriaco la sospensione dei divieti di transito notturno per i Tir durante i lavori. Questo, insieme agli ostacoli regolamentari già presenti, mette in discussione la fluidità del trasporto merci e l’accesso delle aziende ai mercati internazionali.
È cruciale sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sulla rilevanza strategica di mantenere in funzione efficiente il ponte Lueg per il benessere economico della regione e il commercio con i paesi del Nord Europa. L’impatto negativo previsto sui vari settori industriali e commerciali sottolinea l’urgenza di trovare soluzioni collaborative e mitiganti per gestire al meglio questa sfida infrastrutturale.

Maggiori approfondimenti: https://www.ilsole24ore.com/art/al-via-prove-generali-il-caos-traffico-brennero-AFroyzHD

Ebilav.it - CF: 97795640016 - © 2015-2019 Koweb | Tutti i diritti riservati