Dal combustibile ai mattoni agli intonaci, le banconote logore stanno trovando una seconda vita nel piano green della Banca d’Italia, che nel 2022 ha ritirato e ridotto in frammenti 638 tonnellate di banconote dalla circolazione. Questo impegno ha radici profonde nel programma di riduzione dell’impatto ambientale delle attività di Bankitalia, evidenziando la transizione verso una maggiore sostenibilità. Il tema della riutilizzazione delle banconote logore triturate si integra perfettamente con gli sforzi per ridurre l’impatto ambientale e promuovere una cultura eco-sostenibile. Nel 2023, l’attenzione alla sostenibilità si è tradotta in un aumento della produzione di rifiuti costituiti da banconote logore triturate, ma anche nella ricerca di soluzioni innovative come il loro utilizzo nella produzione di mattoni e intonaci a base di calce.
Questo progetto, nato in collaborazione con l’Università degli Studi di Napoli Federico II, ha dimostrato che le banconote logore possono migliorare le caratteristiche dei materiali da costruzione, aprendo nuove prospettive di riutilizzo creativo. Oltre alla trasformazione in combustibile solido secondario, l’Istituto sta valutando la fattibilità industriale di questo approccio, considerando l’ampia circolazione di denaro contante e la continua produzione di banconote.
Parallelamente, la Banca d’Italia ha ampliato il suo impegno verso la sostenibilità ambientale, con risultati tangibili nel ridimensionamento dell’impatto ambientale delle proprie attività. Il costante monitoraggio e la revisione delle pratiche gestionali hanno permesso di incrementare l’efficienza energetica, favorire la mobilità sostenibile e promuovere gli acquisti verdi.
Oltre alla gestione responsabile dei rifiuti costituiti da banconote logore, la Banca si è distinta per il suo ruolo chiave nella produzione e nel mantenimento della qualità delle banconote in circolazione. Nel 2023, sono stati prodotti milioni di biglietti, completando le quote annuali previste e superando le aspettative di produzione. Il continuo impegno nello sviluppo di nuove tecnologie per la stampa di banconote è stato riconosciuto dalla Bce, che ha affidato alla Banca d’Italia il progetto di rielaborazione del design di sei tagli di banconote dell’euro, inclusi elementi di sicurezza avanzati per la protezione del pubblico.
In un ciclo virtuoso di sostenibilità e innovazione, la Banca d’Italia si posiziona all’avanguardia nel promuovere una gestione responsabile delle risorse e nel favorire la transizione verso un’ economia circolare e eco-sostenibile.

Maggiori approfondimenti: https://www.ilsole24ore.com/art/banconote-logore-combustibile-mattoni-all-intonaco-loro-seconda-vita-piano-bankitalia-AFFjBMHD

Nessuno stagista o redattore è stato maltrattato o sfruttato per scrivere questo articolo.

Ebilav.it - CF: 97795640016 - © 2015-2019 Koweb | Tutti i diritti riservati